L’idea di Fabrizio Politi, il social network che rivoluziona l’economia

Fabrizio Politi è un imprenditore livornese di 44 anni che ha dedicato la maggior parte della sua vita al campo nautico, realizzando e fabbricando yacht lussuosissimi per tutti coloro che ne fossero appassionati. Da sempre ha avuto anche un debole per l’economia, una disciplina che l’ha sempre affascinato da tutti i punti di vista motivo per il quale attraverso la sua esperienza nel campo nautico ha potuto ampliare e approfondire.

Una serie di motivi, ma soprattutto il desiderio di poter vivere in un modo fondato sulla meritocrazia e della gestione equa di un patrimonio mondiale, Fabrizio Politi ha deciso di proporre un progetto mai pensato prima ad ora. Parliamo del social network più innovativo di qualsiasi epoca: SixthContinent.

Il sistema economico presente nel nostro tempo lo possiamo paragonare ad un sistema che assomiglia pressoché ad una piramide,  ossia risulta ad essere principalmente un sistema dove la stragrande maggioranza dei cittadini (ossia i consumatori) che vanno ad essere gli esponenti della parte più bassa della piramide presa in considerazione, andrà a trasferire la ricchezza attraverso i loro atti di consumo dritto nelle mani di solo pochi acquirenti, i quali risulteranno essere tutti coloro che andranno ad occupare la parte alta della piramide stessa.

Uno degli effetti immediati che risultano ad essere tra i più pesanti e negativi di questa globalizzazione che possiamo definire del tutto asimmetrica è che così facendo molta più ricchezza inevitabilmente finirà sempre più nella parte più alta della nostra piramide i quali esponenti sono le più grandi multinazionali, un esempio è il caso di tutte quelle aziende che, volendo produrre principalmente nei paesi che sono sprovvisti  di tutela sindacale per i lavoratori e di qualsiasi tipologia di tutela ambientale, riescono facilmente a vendere sui mercati offrendo prezzi nettamente inferiori anche  ai costi che vengono sostenuti per la produzione di tutti coloro che operano in condizioni più eque e legali.

Il fondatore Fabrizio Politi attraverso la propria creazione SixthContinent che si basa su un algoritmo  Mo.Mo.Sy. Secondo tale teoria il flusso economico viene paragonato al ciclo dell’acqua, la quale una volta che viene utilizzata successivamente dovrà evaporare, azionando così il processo di autorigenerazione che ovviamente viene eseguito fino all’infinito.

Come qualsiasi sistema, affinché anche questo possa funzionare perfettamente è necessario poter avere una serie di attività produttive che possono essere rimesse nel ciclo produttivo perlomeno per una loro piccola, ma significativa parte affinché ci siano sempre costantemente dei profitti da ottenere.

SixthContinent, quindi, andrà a favore le imprese virtuose, ossia quelle considerate “buone” agli occhi dei cittadini o i cosiddetti consumatori andando a penalizzare quelle dedite alla speculazione o considerate rosse o cattive.

Sixthcontinent com – The Economic Social Network by Fabrizio Politi from fabrizio politi on Vimeo.

Il meccanismo di SixthContinent sembra dunque essere un urlo all’equità e un monito all’accumulo incondizionato. Con questo social network è possibile accumulare una parte del reddito rimesso in circolazione.

Si può affermare senza alcun dubbio che l’idea oramai non più utopica del fondatore Fabrizio Politi ha avuto modo di concretizzarsi e di rendersi utile.

Fabrizio Politi non è un semplice imprenditore, ma un rivoluzionario di questo decennio grazie ad un progetto unico, sempre in evoluzione e alla portata di tutti!